lunedì 18 febbraio 2013

Laura c'è ancora

Ma non è a casa sua.
Laura è un'amica da tempo.
Iperattiva. Lavoro, lavoro, lavoro. Niente ferie, non ha tempo, ha da fare.
Un figlio che ha tre anni più di Emmegrande, sono amici.
Il figlio cresce, ha i suoi giri, il calcio al sabato, a Laura avanza del tempo ma a lei non piace che le avanzi.
E allora va a fare la volontaria nella squadra di mio marito.
E le piace, si da da fare, supera il corso, si fa stimare da tutti.
Poco prima della fine dell'anno un incidente stupido: una barella che rimane agganciata alla paratia difettosa dell'ingresso di un pronto soccorso. Laura si attacca alla paratia per bloccarla, la barella rimane a terra ma lei rimane appesa e cada da nemmeno tanto in alto, ma abbastanza da rompersi un ginocchio.
Capita, sfiga, ma niente di grave, un po' di gesso e di eparina e tornerai come nuova.
Sabato le hanno tolto il gesso.
Ieri notte l'hanno ricoverata d'urgenza per un'embolia polmonare. Venticinque minuti di arresto cardiaco, ripresa nel momento immediatamente precedente a quello che avrebbe significato "ora del decesso..."
Adesso Laura è in coma, in rianimazione.
Non si sa né se, né quando, né come ne uscirà.
Laura ha 45 anni e sei anni fa ha perso il fratello.
Questo a volte è proprio un mondo di merda.
Ma ha ancora bisogno di lei.
Forza, Laura.

5 commenti:

  1. Dai Laura, forza! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Decisamente di merda. Allora occorre che domani sia una giornata di buone notizie ... Laura, falla scappare la sfortuna che qui c'è un sacco da fare.

    RispondiElimina
  3. Un pensiero a Laura. In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  4. Forza Laura! siamo con te,devi farcela il mondo anche se a volte è di merda ti aspetta per giorni migliori!

    RispondiElimina

pareri & opinioni